21 MARZO GIORNATA MEMORIA VITTIME DELLA MAFIA POLISTENA

MAFIA : GIORNATA MEMORIA , 400 BANDIERE CON NOMI VITTIME

 

 

 liliumjoker

 

 

 

by liliumjoker

 

 

POLISTENA (REGGIO CALABRIA), 21 MAR – Oltre 400 bandiere colorate, su ognuna delle quali ci sara’ il nome di una vittima della mafia. Sventoleranno oggi  a Polistena, nella Piana di Gioia Tauro, nella dodicesima giornata della memoria,organizzata da Libera e Avviso Pubblico. A far sventolare le bandiere saranno i bambini delle scuole calabresi ma anche di Napoli,Torino e di altre localita’. Sono attese trentamila persone.Sara’ scoperta una lapide in ricordo di tutte le vittime delle mafie.

Combattere la criminalita’ organizzata non solo con le parole ma principalmente con fatti concreti. E’ l’appello del presidente di Libera, Don Luigi Ciotti, alla vigilia della Giornata della memoria. ‘Il problema siamo noi – ha detto Don Ciotti -. Ma e’ mai possibile che migliaia di italiani non trovino la forza, il coraggio, la determinazione di una scelta radicale per la legalita’ e per il contrasto alla criminalita’.

 

 

MAFIA : GIORNATA ALLA MEMORIA XII GIORNATA DELLA MEMORIA E DELL’IMPEGNO IN RICORDO DELLE VITTIME DELLE MAFIE .

CIRCA 700 I NOMI DELLE VITTIME DELLE MAFIE CHE SARANNO LETTI ININTERROTTAMENTE DURANTE IL CORTEO 2.500 LE PERSONE UCCISE DAL CRIMINE ORGANIZZATO NEGLI ULTIMI DIECI ANNI, 155 LE VITTIME INNOCENTI, DI CUI 37 BAMBINI SULLE RETI RAI LO SPOT DELL’INIZIATIVA REALIZZATO DAI RAGAZZI DELLE SCUOLE DI MARANO, LENTINI E POLISTENA IN COLLABORAZIONE CON IL SEGRETARIATO SOCIALE .

 

Una  marea di gente onesta oggi si è riversata a Polistena , nella Piana di Gioia Tauro .

Sindaci , Amministratori , Associazioni , Scuole e gente ONESTA di tutta ITALIA.

La presenza dei Santangelesi era così massiccia ( come ogni anno ) che le autorità locali hanno dovuto deviare il traffico verso i monti della SILA .

A rappresentare la gente ONESTA di SANT’ANGELO MUXARO  ci sono solo io Angelo Vaccaro Notte  come ogni anno.

Perché l’amministrazione attuale di Sant’Angelo
Muxaro e quella precedente il 21 Marzo, per loro non ha nessun senso ne valore, perchè il PAESE è sereno non c’è MAFIA no non esiste …. nessuno osa parlare di MAFIA o di VITTIME della MAFIA .

Ma sono impegnati a  organizzare una SCAMPAGNATA di BENVENUTO alla PRIMAVERA….per trascorrere a contatto con la NATURA ( MAFIOSA ) lontani da DIGNITA’ e CIVILTA .

Saranno organizzate visite nelle Grotte dove forse i Mafiosi nascondevano le armi o altro….passeggiate rilassanti dove verranno indicati gli appostamenti Mafiosi che hanno preparato l’ASSASSINIO dei miei FRATELLI e i luoghi dove sono stati ASSASSINATI.

Verranno indicati i percorsi come diventare Mafiosi e Omertosi .

Un modo per avvicinarsi a questa CULTURA di NATURA SANTANGELESE indicato per le FAMIGLIE ? ( MAFIOSE ) ?????

 

 

Cari amministratori Santangelesi attuali e passati…….che umiliazione essere nati a Sant’Angelo, un paese che non ha MEMORIA , un paese fantasma, un paese Muto e COMPLICE della MAFIA .

 

Angelo Vaccaro Notte

 

 

Meschini

Assassini

Fetenti

Inutili

Accattoni

 

 

 

 

 

 

                     BENVENUTO  ALLA  PRIMAVERA  A  SANT’ANGELO MUXARO

 

 

 

 

Anche se meteOrologicamente , poco tempestiva, è stata organizzata a Sant’Angelo Muxaro, per il prossimo week-end una manifestazione dal nome: ‘Benvenuto alla primavera’.

La ‘due giorni’ si svolgerà sabato 24 e domenica 25 marzo a Sant’Angelo ed è organizzata dalla Riserva delle Maccalube, dalla LIPU e dal gruppo speleologico Kamikos.

E’ un invito, a chiunque ne abbia voglia, a trascorrere due giorni a contatto con la natura, lontani dal logorio della vita moderna.

Saranno organizzate visite speleologiche nelle grotte di Sant’Angelo Muxaro e poi passeggiate rilassanti, percorsi di trekking e stars watching e cioè l’osservazione delle stelle durante la notte in punti non inquinati dalla luce delle nostre città.

Un modo per avvicinarsi alla natura riservato a tutti e particolarmente indicato per famiglie con bambini al seguito.

 

Salvo Di Benedetto

 

 

 

GIORNATA DELLA MEMORIA PER LE VITTIME DELLE MAFIE

POLISTENA (REGGIO CALABRIA) – Oltre trentamila persone, secondo i dati forniti da Libera (oltre ventimila per le forze dell’ordine), stanno partecipando alla Giornata della memoria in corso a Polistena. I due cortei partiti da due zone opposte della città hanno raggiunto la piazza principale. Dal palco i familiari delle vittime delle mafie stanno pronunciando i nomi delle 700 persone uccise dalla criminalità organizzata. Sono numerosi i giovani che sostano nella piazza con striscioni, palloncini colorati e bandiere tricolori.

 

Moltissimi studenti sono giunti da diverse regioni italiane. La delegazione di studenti del liceo scientifico Volterra di Ciampino ha lanciato, attraverso uno striscione, anche un idea alle altre scolaresche presenti in piazza: ‘la scuola adotti una vittima di mafia, la vita dei morti sta nella memoria dei vivi’. In attesa che si concluda l’elenco dei morti delle mafie molti ragazzi stanno affollando un parco adiacente all’area dove è stato realizzato il palco, dove giocano e si ristorano. Decine anche le delegazioni di Comuni giunti da ogni zona d’Italia con i gonfaloni ed i Sindaci con la fascia tricolore.

 

 

INAUGURATA UNA LAPIDE CON NOMI DI 700 VITTIME
Una lapide sulla quale sono incisi i nomi di 700 vittime delle mafie è stata inaugurata a Polistena nel corso della Giornata della memoria. Dopo aver scoperto la lapide dalla piazza si è levato un lungo applauso. Alla cerimonia hanno partecipato tra gli altri anche il ministro Giovanna Melandri, don Luigi Ciotti e 250 familiari delle vittime di mafia. Polistena è la seconda città in Italia, dopo Roma, ad ospitare una lapide che ricorda le vittime della criminalità organizzata.

GIORDANO, LOTTARE PER LA RINASCITA DEL SUD
‘Senza lotta alle mafie non è possibile pensare ad una rinascita del Mezzogiorno’. Lo ha detto il segretario nazionale del Prc Franco Giordano, che sta partecipando alla Giornata della Memoria in corso a Polistena. ‘Servono – ha aggiunto Giordano – interventi repressivi e preventivi. E’ necessario prosciugare l’ acqua dove la mafia si alimenta. Penso anche al valore della giustizia sociale che è decisiva per l’ autonomia dei soggetti. La mafia infatti prospera dove questa autonomia non c’ è’.

 

 

 

DON CIOTTI, BASTA VITTIME DELLA CRIMINALITA’
‘Oggi è il giorno di dire basta con le vittime della criminalità organizzata. L’unica parola di oggi è il dire basta a questa carneficina’. Lo ha detto il presidente di Libera don Luigi Ciotti che è in testa ad uno dei due cortei che si stanno muovendo per le vie di Polistena. Nella cittadina del Reggino sono giunti centinaia di delegazioni di Comuni con i gonfaloni. E’ arrivato anche il presidente della Regione Calabria, Agazio Loiero, ed il presidente del Consiglio regionale, Giuseppe Bova. Alla manifestazione stanno partecipando anche il presidente della Commissione parlamentare antimafia Francesco Forgione, alcuni parlamentari ed il procuratore Giancarlo Caselli. ‘Non è possibile – ha aggiunto don Ciotti – in un Paese civile come l’Italia continuare ad avere tante vittime della criminalità. Abbiamo sentito il racconto di tanti familiari delle vittime molti dei quali vivono una condizione di solitudine. Ognuno di noi deve farsi partecipe di interventi concreti. La manifestazione di oggi non è né il punto di arrivo né di partenza perché Libera è impegnata quotidianamente contro la criminalità organizzata. Vorremmo che ci fosse anche una maggiore attenzione e provvedimenti per la confisca dei beni ai mafiosi’.

 

 

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.